Ti sai presentare? Consigli utili e comportamenti sgraditi

Bisogna tenere presente che quotidianamente le agenzie di moda, ricevono centinaia di candidature sia da donne che da uomini e quindi, sono poco propense a prendere in considerazione persone che non rispettano le normali regole di presentazione. Perché tempo da perdere non ne hanno. Così vi proponiamo alcuni consigli utili, per evitare spiacevoli sorprese.

È molto apprezzato dalle agenzie di moda, durante la presentazione dei candidati/e anche non professionisti/e:
– ricevere una profilo completo di dati e foto chiare pensato per la realtà in cui si vorrà andare a lavorare
– ricevere almeno: una fotografia in primo piano e due fotografie in intimo o costume che permettano di valutare perfettamente il fisico della modella/o fronte e retro
– ricevere referenze (anche se semplici)
– comprendere che la candidata/o (se maggiorenne) è matura/o, motivata/o, autosufficiente e con una buona indipendenza
– conprendere chiaramente le aspirazioni e le disponibilità della candidata/o

Non viene apprezzata o comunque non aiuta nella valutazione positiva:
– ricevere e-mail incomplete
– ricevere e-mail inoltrate a molte agenzie diverse (Non farlo mai!)
– vedere dati fisici che risultano chiaramente incongruenti o non proporzionati alla realtà
– ricevere fotografie grossolanamente modificate
– ricevere e-mail fuoriluogo da persone che chiaramente non conoscono nulla delle attività della moda
– ricevere fotografie poco chiare, con abiti scuri o comunque dove non si veda chiaramente il viso o il fisico della candidata/o (fronte e retro)
– ricevere e-mail separate per dati fisici, anagrafici e foto
– ricevere candidature “per conto di” inviate da terze persone. Solo per personaggi noti ci risulta logico l’intervento di un manager ma comunque sempre coadiuvato dall’intervento dell’artista stessa/o
– ricevere foto con ritratte anche altre persone oltre alla candidata /o (queste normalmente vengono cestinate subito, quindi evitate di inviarle)
– ricevere curriculum lavorativi e non artistici o che comunque non includano le informazioni fisiche e anagrafiche richieste
– ricevere qualsiasi cosa non di buon gusto o comunque inviata senza attenzione (essere distratti in campo professionale e lavorativo, è indice di poco rispetto sia per se stessi, che per le agenzie)
– ricevere contatti da genitori che spingono le loro figlie o i loro figli ad una carriera indesiderata

Speriamo che con questi semplici consigli, possiate avere le idee più chiare. Se avete dei dubbi ulteriori o volete maggiori informazioni, potete contattarci.